Antiquarium, Museo Archeologico di Spilamberto

Scopri

Antiquarium, Museo Archeologico di Spilamberto

L'Antiquarium di Spilamberto, ossia il Museo Archeologico, è nato dalla mostra permanente "Archeologia nel Fiume Panaro". La mostra fu inaugurata nel 1979 per presentare i primi risultati delle ricerche archeologiche condotte nell'alveo del fiume Panaro nel territorio tra Spilamberto e San Cesario. Il museo è allestito all'interno del Torrione di Spilamberto.

A partire dalla fine degli anni ‘70, infatti, grazie a scoperte fortuite, ricognizioni e ricerche sistematiche è stato possibile riconoscere e documentare aspetti e momenti degli antichi insediamenti umani della zona. Le indagini sono state dirette dalla Soprintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna e hanno visto l’intervento di numerosi studiosi.

Gli esiti sono stati diversi. I depositi pleistocenici dei primi rilievi collinari testimoniano le più antiche tracce della presenza dell'uomo in questi luoghi. Ai margini di quest'area, è inoltre segnalato un insediamento dell'Età del Bronzo. Dall'alveo del fiume Panaro e dalle circostanti cave che tagliano sedimenti di conoide d'età pleistocenica superiore ed olocenica antica, proviene invece la maggior parte della documentazione archeologica pre-protostorica.

Rinvenimenti casuali e indagini programmate estese al restante territorio comunale rendono più chiaro il quadro della frequentazione umana in epoca recente. Tra queste, danno voce alla storia di Spilamberto tracce di suddivisioni agrarie e fattorie d'Età Romana, due pozzi per l’acqua occlusi in Età Tardoantica, scarichi, arginature e strutture produttive d'Età Postclassica.

 

Un viaggio nella storia archeologica di Spilamberto
  • Edifici interesse storico
  • Visite guidate

Nei dintorni