Artestampa Edizioni

Assapora

Artestampa Edizioni

Artestampa Edizioni è una casa editrice di Modena nata nel 1940 come tipografia per volontà del litografo Dario Mazzieri. Diventata presto un’impresa a conduzione familiare, il passaggio a casa editrice non ha significato un taglio netto con il passato. La sapienza artigiana, accumulata in secoli di tradizione, si è messa infatti al servizio di nuove forme e contenuti. Fra questi, l’arte, il disegno, la narrativa d’esordio e la gastronomia locale.

Fra i libri dedicati alle specialità culinarie del territorio modenese figurano:

  • “Confraternita del gnocco d’oro”
    La prima guida ai luoghi del vero gnocco fritto tradizionale a Modena e provincia. Una passeggiata lungo vie, città e paesi del territorio per scoprire questo piatto tipico, molto gustoso, fragrante e versatile: aperitivo da gustare con i salumi, spuntino veloce accompagnato da un bicchiere di lambrusco, oppure colazione “alternativa” con una tazza di caffellatte.

  • “La coppia perfetta: il gnocco si sposa con…”
    Il tradizionale gnocco fritto di Modena è di nuovo protagonista in questo ricettario per scoprire i suoi migliori abbinamenti: quaranta accostamenti gourmet e dieci variazioni sul tema “gnocco” inventati da chef italiani, in un mix di sapori tradizionali e ardite innovazioni.

  • “La disfida del borlengo”
    Un libro dedicato a uno dei piatti più tipici - e meno conosciuti fuori dal territorio - della Valle del Panaro. Il borlengo è un piatto che ha attraversato i secoli arrivando fino a noi quasi invariato, e per questo oggi è difeso nella sua unicità, nonché proposto in nuovi contesti di degustazione. Cibo povero per eccellenza, mette d’accordo tutti i palati e, soprattutto, si sposa a meraviglia con il Lambrusco.

  • “L’armata del mirtillo nero”
    Un libro che nasce dal censimento di tutti i luoghi dove è possibile assaggiare il mirtillo nero e acquistare prodotti da questo derivato: confetture, distillati, addirittura cosmetici. Il mirtillo nero, vaccinium myrtillus, è un prodotto spontaneo dell’Appennino a cavallo tra Modena, Bologna, Reggio Emilia, Lucca e Pistoia. Si tratta di una specie autoctona, non coltivabile, conosciuta fin dai tempi antichi per le sue proprietà antiossidanti e disinfettanti. Ma anche per il suo gusto inconfondibile. Ancora oggi, il mirtillo nero è raccolto a mano con metodi antichi, nel rispetto della sua specificità da una “armata” di produttori che hanno a cuore la natura e le sue espressioni.

  • “I discepoli della tigella rovente
    Un libro dedicato a un altro tipico “street food” modenese: la crescentina, originaria delle montagne e conosciuta come “tigella” nelle città di Pianura. Scopo della pubblicazione è unire notizie storiche a una mappatura di gestori che propongono la crescentina, per scoprirne tutte le modalità di preparazione.

  • “Sorella castagna, fratello marrone si sfidano a singolar tenzone”
    Un libro che racconta la ritrovata “amicizia” tra le popolazioni montane e la castagna, frutto dalla polpa chiara, dolce e nutriente che per secoli ha raccolto attorno a sé una comunità di mestieri e tradizioni. La cosiddetta “economia del castagno” è stata infatti alla base della vita nell’Appennino Tosco-Emiliano fin dal Medioevo. Non era solo un mezzo di sussistenza, ma un vero e proprio universo fatto di stagioni, di riti, di lavorazioni, di conoscenze tramandate di generazione in generazione. Oggi, questo universo è tornato a splendere anche grazie ai cinquanta coltivatori, mugnai e ristoratori selezionati nella pubblicazione. 

Tra i progetti enogastronomici in corso, Artestampa Edizioni sta lavorando per promuovere “L’amarena brusca di Modena”, “Lo Zampone e il Cotechino”, “L’aceto Balsamico tradizionale di Modena”, “Le botteghe del gusto”.

Artestampa Edizioni cura una collana tutta dedicata alle specialità gastronomiche del territorio modenese