Torre Galvani e giardino pensile

Scopri

Torre Galvani e giardino pensile

Un tempo, nella cerchia muraria di Vignola erano inserite quattro torri che prendevano il nome dalle famiglie che ne avevano la custodia. Queste erano la Torre Fontana o del Cannone, la Torre Moreni, la Torre Galvani e la Torre Emiliani. L’unica oggi superstite è la Torre Galvani, caratterizzata dal tipico galletto segnavento posto sulla sommità.

Le prime notizie sui Galvani si hanno attorno alla metà del ‘400, quando, lasciata Ferrara, si insediano a Vignola a seguito dei Contrari, investiti del feudo nel 1401 da Niccolò III d’Este.

La Torre Galvani fa parte di uno degli itinerari delle "Case Torri", tra le quali si segnala anche la Torre del Sale in località Tavernelle. Dalla strada è possibile intravedere il giardino pensile, realizzato nel XV secolo dalla famiglia Galvani sulla cinta muraria adiacente.

Il giardino nasce come “hortus” per diventare, a fine ‘700, un giardino neoclassico, caratterizzato da un belvedere con Kaffeehaus, un teatro di verzura e una collezione di piante per arricchire la passeggiata panoramica. Il giardino pensile presso Torre Galvani diventa così un vero e proprio unicum nel panorama dei giardini emiliani.

Legata ai Galvani, è anche la Villa di famiglia di epoca neoclassica. Decorata al suo interno con affreschi di pietro Minghelli, fu residenza di villeggiatura e cenacolo culturale dei conti vignolesi. La Torre, la villa e il giardino sono attualmente di proprietà privata.

 

La Torre di un'antica famiglia e un giardino neoclassico
  • Edifici interesse storico

Nei dintorni