Il Museo del Castagno

Vivi
Scopri

Il Museo del Castagno

Il Centro documentazione Museo del Castagno nasce nel 2000 al piano terra dell’antico Ospitale di San Giacomo di Zocca. La struttura, menzionata per la prima volta in un documento del 1186, in passato era gestita dai frati e dava alloggio ai pellegrini che attraversavano queste terre per raggiungere la Città Santa.

Il Museo del Castagno è costituito da tre sale e ripercorre la storia della castagna attraverso gli oggetti ad essa legati. Nelle due stanze laterali si trovano gli strumenti per la cura del castagneto e per la lavorazione dei prodotti. Nella sala centrale, invece, una serie di pannelli illustrano i caratteri dell’albero di castagno (tipico della zona), la sua distribuzione nazionale, europea e nel mondo, le malattie e gli innesti. Un angolo della sala, chiamato Fantacastagneto, è utilizzato per ricostruire l’habitat del castagneto e consente ai ragazzi di toccarne con mano le caratteristiche.

Il percorso museale prosegue poi all’esterno dell’Ospitale e si inoltra lungo un sentiero pianeggiante nel cuore dei castagneti di monte San Giacomo. Il sentiero, articolato in 13 tappe, è attrezzato con cartelli informativi che illustrano le fasi della coltivazione del castagno, ripercorrendo le attività da svolgere per la corretta manutenzione e le fasi di vita del frutteto.

L’itinerario esterno si conclude al Bosco delle Betulle. Qui si possono ammirare una serie di specie arboree ed erbacee, anche rare e particolari, tipiche di questa fascia climatica. Il Museo del Castagno collabora attivamente con le scuole, soprattutto in autunno nel periodo della raccolta delle castagne.

 

Un percorso museale al chiuso e all'aperto dedicato alle castagne
  • Passeggiate
  • Percorsi segnalati
  • Edifici interesse storico
  • Visite guidate

Nei dintorni